Per Emergenze o Informazioni

 Di seguito una selezione di domande ricorrenti.

1. Quali sono gli orari di apertura degli sportelli e dove si trovano?

Ubicazione e orari di apertura degli sportelli sono visibili nella sezione SERVIZI E SPORTELLI del sito, effettuare la ricerca filtrando il comune di residenza.

2. Devo chiudere un’utenza cosa devo fare?

E’ necessario scaricare e compilare il Modulo disdetta nell’area clienti – sezione modulistica.
Se non è possibile scaricarlo, il modulo è disponibile c/o gli sportelli.
Tale modulo deve essere compilato dall’intestatario del contratto.
- se l’intestatario è un affittuario non più reperibile, il modulo deve essere compilato dal proprietario dell’immobile;
- se invece l’intestatario è deceduto deve essere compilato da un erede.
Dati da inserire:
- dati anagrafici del compilatore e numero telefonico;
- decorrenza data di chiusura e numero utenza;
- intestazione utenza se il compilatore è persona diversa;
- indicare se nel contratto stesso subentra altra persona o se il contatore deve essere rimosso/piombato.
In caso di subentro/voltura l’utente ha tempo 5 giorni lavorativi per effettuare un subentro/voltura direttamente senza che il contatore venga rimosso o piombato.
In caso di rimozione/piombatura occorre indicare su “ubicazione contatore” se lo stesso è interno o esterno alla proprietà specificandone la posizione;
- tassativo indicare la lettura del contatore alla data della cessazione.
- È importante indicare l’indirizzo di spedizione della bolletta di chiusura se diverso da quello dell’utenza.
Il modulo deve essere corredato da copia della carta d’identità del sottoscrittore.

3. Ho deciso di cambiare casa, cosa devo fare per cessare la fornitura?

Deve chiudere l’utenza compilando il Modulo disdetta, scaricabile dal sito, indicando la lettura al momento dell’abbandono dell’immobile.
Se non è possibile scaricarlo, il modulo è disponibile c/o gli sportelli.
Nel caso in cui il contatore sia posizionato all’interno della proprietà privata e non sia previsto un subentro, è necessario concordare con i nostri uffici un appuntamento per procedere alla piombatura/rimozione del contatore.

4. Devo subentrare/volturare un’utenza cosa devo fare?

E’ necessario che l’utenza a cui si subentra/voltura risulti cessata.
Per individuare l’utenza è necessario avere o il numero utente (rintracciabile da una precedente bolletta) o la matricola del contatore.
L’utente si dovrà recare presso uno sportello operativo dove verrà redatto il nuovo Contratto di fornitura.
I documenti da presentare sono:
- carta d’identità del richiedente;
- codice fiscale;
- dati catastali immobile;
- lettura del contatore;
- per le società: copia del certificato di iscrizione alla C.C.I.A.A non anteriore ai sei mesi;
- per il condominio: l’amministratore dovrà consegnare copia del codice fiscale del condominio e verbale di nomina come amministratore.
- codice Iban se si decide di fare l’addebito diretto in conto. Se invece l’utente sceglie come modalità di pagamento il bollettino MAV bancario, è previsto il versamento di un deposito cauzionale che varia in funzione dell’uso e del consumo annuo.
Se non si è proprietari dell’immobile:
- “modulo dati del proprietario dell’immobile” che dovrà essere sottoscritto dal proprietario stesso.

5. Devo fare un nuovo allacciamento quali documenti devo presentare?

E’ necessario scaricare e compilare il Modulo richiesta nuovo allaccio acquedotto,
contenente anche la dichiarazione atto di notorietà.
Se non è possibile scaricarlo, il modulo è disponibile c/o gli sportelli.
Tale modulo deve essere compilato dall’intestatario del contratto.
La modulistica di nuovo allaccio può essere consegnata presso gli sportelli oppure spedita via mail o via fax.
Il tecnico provvederà ad inviare il preventivo di spesa che dovrà essere poi re-inoltrato via mail, via fax o consegnato presso gli uffici, firmato per accettazione e corredato da copia del pagamento.
Senza tale documentazione non verrà dato seguito all’allaccio.
Una volta posato il contatore l’utente verrà convocato presso lo sportello per redigere il contratto vero e proprio.
Oltre alla documentazione già presentata dovrà portare codice IBAN se intende effettuare addebito bancario.

6. Ho ricevuto la bolletta di chiusura utenza con importo a mio credito

E’ necessario compilare il modulo Modulo rimborso fattura che può essere scaricato dal sito.
Se non è possibile scaricarlo, il modulo è disponibile c/o gli sportelli.
Tale modulo può essere inviato via mail, via fax o consegnato presso gli sportelli.
Il modulo dovrà essere compilato dall’intestatario del contratto indicando:
- numero utente
- numero fattura e importo
- codice IBAN su cui effettuare il rimborso.
Allegare copia della carta d’identità del sottoscrittore come indicato sul modulo stesso.

7. Ho ricevuto la bolletta con consumo presunto ma dovrò cessare prossimamente l’utenza, devo comunque pagarla?

Si, la bolletta deve essere saldata.
Con il modulo di Modulo disdetta andrà tassativamente indicata la lettura del contatore al momento della chiusura e la bolletta verrà emessa a conguaglio.

8. Ho avuto una perdita idrica cosa devo fare?

In caso di constatazione di una perdita occulta, ossia di una perdita non visibile esternamente in modo diretto (no perdita da rubinetto, no sciacquone che perde, ecc.) occorre compilare il Modulo sgravio perdita occulta che può essere scaricato dal sito.
Se non è possibile scaricarlo, il modulo è disponibile c/o gli sportelli.
Indicare sul modulo:
- dati anagrafici
- data riscontro perdita
- data riparazione perdita
- lettura alla riparazione
- ed eventualmente la fattura interessata.
Insieme al modello di denuncia, debitamente compilato in ogni sua parte, l’utente deve allegare:
- copia della carta d’identità del dichiarante
- dichiarazione dell’idraulico intervenuto per la riparazione (in cui dichiari che l’acqua è andata dispersa nel terreno).

9. Mi sembra di aver consumato un quantitativo eccessivo di acqua

E’ necessario verificare il contatore: in assenza di utilizzo di acqua da parte dell’utente, i numeri o le lancette del contatore devono rimanere fermi.
In caso contrario, l’utente deve verificare, con il proprio idraulico che non vi siano problemi all’impianto interno.

10. Ho il sospetto che ci sia una perdita dopo il contatore, come posso fare per controllare?

È opportuno verificare che il contatore, con tutti i rubinetti chiusi, non avanzi.
Se lo fa, vuol dire che c’è una perdita all’interno dell’impianto idraulico.
In questo caso deve contattare il proprio idraulico di fiducia.
Se la perdita riscontrata ha comportato la dispersione dell’acqua nel terreno e non nella fognatura, è possibile presentare un domanda di sgravio della bolletta compilando il Modulo sgravio perdita occulta scaricabile dal sito.
Se non è possibile scaricarlo, il modulo è disponibile c/o gli sportelli.

11. Dove trovo le tariffe che mi vengono applicate?

L’Ufficio d’Ambito di Como (ATO) sulla base delle indicazioni deliberate dall’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) ha introdotto importanti novità nelle tariffe per il servizio idrico con l’aggiornamento dell’articolazione tariffaria del Servizio Idrico Integrato per le utenze domestiche e non domestiche.

12. Dove è possibile trovare le analisi dell'acqua del rubinetto?

Como Acqua pubblica sul proprio sito i risultati delle analisi dell’acqua.

13. Si può bere l'acqua quando ha odore di cloro?

L’Acquedotto utilizza l’ipoclorito di sodio (comunemente detto cloro) come disinfettante allo scopo di garantire la perfetta igiene dell’acqua, dalla centrale di pompaggio fino al rubinetto.
Per eliminare questo inconveniente basterà raccogliere l’acqua in una brocca e lasciarla decantare per qualche minuto.

14. Se dal rubinetto scende acqua con una colorazione tendente all’arancione, cosa significa?

Può significare che nello stabile sono stati fatti di recente dei lavori sulla rete interna di distribuzione oppure che l’erogazione dell’acqua è stata interrotta e che si è formato un ristagno nei tubi.
La stessa situazione si può verificare quando il rubinetto resta chiuso per molto tempo (es. per il periodo delle ferie).
Per eliminare questa colorazione basterà lasciar scorrere abbondantemente l’acqua, anche per una decina di minuti.

15. A volte l’acqua contiene tracce di sabbia. Cosa fare?

La presenza di sabbia non indica un’alterazione della qualità dell’acqua.
Nella maggior parte dei casi questi residui derivano dal calcare che si forma per la normale precipitazione degli ioni di calcio e magnesio, soprattutto quando si riscalda l’acqua per gli usi domestici.
Per ristabilire un flusso trasparente è sufficiente utilizzare e tenere sempre pulito i filtri di erogazione posizionati sul rubinetto.

16. Perché l'acqua può avere un colore biancastro e/o micro-bollicine?

La causa di questa opacità è l’elevata pressione dell’acqua determinata sia dagli impianti di pompaggio cittadini, sia dalle autoclavi condominiali.
Tale pressione è necessaria per poter servire anche i piani più alti delle abitazioni.
Per avere l’acqua limpida è sufficiente aspettare pochi minuti dopo il prelievo per permettere alle micro-bollicine di evaporare naturalmente.

17. Quali sono gli oneri per attivare una nuova utenza in caso di allaccio esistente?

Nei casi di predisposizione esistente i costi per l’attivazione sono i seguenti:
• € 26,00 per spese contrattuali per tutte le utenze ad esclusione di volture da parte di eredi
• € 16,00 per spese di bollo per tutte le utenze
• deposito cauzionale il cui importo è variabile in base all’uso e al numero delle unità abitative e che, nel caso di utenze domestiche, può non essere corrisposto scegliendo come modalità di pagamento l’addebito diretto SEPA